27 Gennaio 2023 aggiornato alle 09:00
Meta Communications
Immervise Magazine
Metaverso Tendenze

Tecnologie immersive e cultura asiatica

nft giappone

L’ASEAN, Associazione delle Nazioni del Sud-Est asiatico, offre un terreno particolarmente fertile per lo sviluppo delle tecnologie immersive. Non solo per via degli ingenti investimenti, ma anche grazie all’elevato tasso di penetrazione di Internet e alla propensione positiva della Generazione Z nei confronti della digitalizzazione e della progressiva virtualizzazione delle proprie vite reali. 

Milieu Insight, piattaforma unica e all’avanguardia per i sondaggi online a Singapore e in Asia, ha condotto uno studio tra 6000 partecipanti provenienti da sei Paesi (Singapore, Malesia, Thailandia, Indonesia, Filippine e Vietnam). Il sondaggio mostra come a prevalere nella regione del Sud-Est asiatico sia una percezione ampiamente positiva del trend legato al Web3: interesse ed entusiasmo sono tra le emozioni maggiormente associate al Metaverso. Tra le ragioni, la maggior parte degli intervistati ha sottolineato che rappresenta “un progresso nell’interazione sociale umana” e che “facilita più efficienti opportunità sociali”.

Il caso cinese

La Cina ha lanciato una piattaforma di trading secondario sanzionata dallo stato per le risorse digitali il giorno di Capodanno. A metà del 2022, dopo la preoccupazione per la speculazione sui token non fungibili (NFT), i quattro giganti tecnologici Tencent, Ant, Baidu e JD hanno autoimposto un divieto sul commercio secondario di oggetti da collezione digitali. 

La nuova sede commerciale nazionale deve vedere che tipo di proprietà intellettuale è supportata con il gruppo di lavoro sull’innovazione della piattaforma composto da musei, organizzazioni turistiche e titolari di copyright.

La piattaforma statale China Digital Assets Trading Platform è stata creata congiuntamente dal China Technology Exchange, dal Cultural Relics Exchange e dal Copyright Service Centre con l’obiettivo di standardizzare il processo di trading per far diminuire la speculazione. Uno dei driver è che la Cina riconosce che le risorse digitali saranno importanti per lo sviluppo del Metaverso, sia per avatar, abbigliamento, arte o pezzi da museo. Oltre al gruppo di lavoro sull’innovazione, esiste un gruppo di lavoro sul Metaverso che comprende governi locali e imprese statali.

NFT e Blockchain

In precedenza, il governo cinese ha ripetutamente evidenziato i rischi finanziari in tema di NFT e la natura speculativa del mercato NFT. Sebbene gli NFT non siano soggetti alle stesse restrizioni cinesi delle criptovalute, considerando la sospensione volontaria del trading secondario, i servizi NFT introdotti con il favore di Tencent sono già stati chiusi. Tuttavia, gli NFT sono supportati sulla rete blockchain infrastrutturale (BSN) sostenuta dal governo, anche per casi d’uso più orientati al business.

A causa dell’hype degli NFT consumer, è facile dimenticare i casi d’uso più B2B. I servizi di registrazione e verifica delle risorse sono applicazioni blockchain comuni. E questo si estende alla proprietà intellettuale, con Baidu e Ant che hanno precedentemente lanciato applicazioni blockchain per il copyright. Nel novembre 2022, gli uffici brevetti di Polonia e Italia hanno aderito alla blockchain dell’EUIPO, che registra le registrazioni e gli aggiornamenti dei depositi di marchi e disegni. Allo stesso modo, l’ente italiano per il copyright musicale, la SIAE, ha lavorato con Algorand per proteggere la sua proprietà intellettuale.

La piattaforma di trading di asset digitali in Cina prevede di fare un ulteriore passo avanti per fungere da meccanismo di servizio di inventario credibile per le risorse digitali negoziabili. Mentre l’intera gamma di servizi forniti dalla nuova piattaforma di trading non è dettagliata, la piattaforma fornirebbe la registrazione delle risorse digitali, la verifica e il monitoraggio dei diritti attraverso la catena di protezione culturale cinese. Resta da vedere quali restrizioni saranno imposte alla rivendita di oggetti da collezione digitali, considerando la precedente posizione del governo sui rischi finanziari associati al trading speculativo.

Il Giappone si lancia a capofitto nel Metaverso

Durante un discorso annuale alla legislatura del paese, il primo ministro del Giappone ha detto che il paese darà priorità agli investimenti nella tecnologia digitale, compresi i token non fungibili (NFT) e il Metaverso. Il primo ministro Fumio Kishida ha parlato dello stato attuale delle cose in Giappone, dalla sua risposta alla pandemia, a come affronterebbe l’aumento dell’inflazione e dei tassi di interesse, in un discorso che delinea la politica pubblica alla 210a sessione della Dieta nazionale giapponese il 3 ottobre. 

Il Giappone darà priorità allo sviluppo di Web3

Una priorità, ha sottolineato il primo ministro, sarà concentrarsi sul sostegno all’implementazione sociale della tecnologia digitale. Ha aggiunto che ciò comporterà la promozione dell’uso esteso dei servizi Web3 che utilizzano il Metaverso e gli NFT.

Evidenziando questi sforzi, Kishida ha fatto riferimento al “Summer Digiden Koshien 2022”, una competizione tenutasi poco tempo addietro in cui i partecipanti hanno gareggiato per risolvere le sfide locali utilizzando la tecnologia digitale.

Molte persone hanno partecipato, ed è stato un torneo in cui si potevano sentire le crescenti aspettative di rivitalizzazione regionale attraverso l’utilizzo digitale”, ha detto Kishida.

Alla fine, sette sindaci locali sono stati premiati dal governo con NFT per aver gareggiato tra loro nel tentativo di realizzare il “Digital Garden City National Concept”.

La nuova amministrazione aumenta gli sforzi crittografici

Assumendo l’incarico nel 2021, Kishida aveva fatto dello sviluppo Web3 uno dei pilastri della rivitalizzazione economica del paese. Ad aprile, il Partito Liberal Democratico di Kishida ha pubblicato un White Paper NFT, delineando la strategia del paese per Web3.

Oltre a includere raccomandazioni politiche che promuovono una strategia nazionale per Web3, il White Paper ha anche riconosciuto l’importanza di utilizzare la proprietà intellettuale distinta del paese, come l’animazione e i videogiochi, per guidare i suoi sforzi Web3.

Successivamente, l’amministrazione di Kishida ha istituito un ufficio per la promozione delle politiche Web3, in collaborazione con il Ministero dell’economia, del commercio e dell’industria (METI), al fine di integrare i dipartimenti relativi a Web3 all’interno del ministero.

I recenti sforzi dell’amministrazione per portare avanti i suoi obiettivi relativi alla criptovaluta hanno persino convinto Binance, il più grande scambio di criptovaluta del mondo, a ritentare un ingresso nel  mercato nel paese, dopo aver fallito quattro anni fa.

Il Metaverso in Giappone

Sebbene non esista una definizione unificata per il termine “Metaverso”, fondamentalmente, è uno spazio virtuale in cui le persone possono partecipare e svolgere vari atti attraverso i loro avatar, come impegnarsi in attività sociali e persino avere un lavoro e guadagnarsi da vivere. Molte industrie stanno cercando di essere le prime ad adottare il Metaverso. 

Il settore sportivo

Tra gli altri, lo sport è considerato un settore promettente perché è di natura esperienziale e altamente compatibile con il Metaverso, che consente esperienze quasi realistiche nello spazio virtuale. L’utilizzo del Metaverso potrebbe essere la chiave per un ulteriore successo nel settore sportivo come opportunità per creare esperienze innovative per i fan e migliorare il coinvolgimento dei fan.

Gli NFT sono una forma di asset digitali basati sulla tecnologia blockchain, che aumenta il valore economico delle risorse digitali assicurandone l’unicità e l’autenticità. Gli NFT non sono solo dati non fungibili o risorse digitali; hanno anche il potenziale per essere una tecnologia critica che può fungere da elemento costitutivo nelle future tecnologie dell’informazione, come Metaverso e Web 3.0 (cioè fornendo una forma di diritti di proprietà al portatore su oggetti digitali). 

Non sorprende che gli sport siano anche molto compatibili con gli NFT perché i contenuti relativi allo sport hanno un’affinità con la scarsità e altre caratteristiche chiave degli NFT. Molti NFT da collezione digitali sono già stati rilasciati dalle principali leghe sportive professionistiche di tutto il mondo e a volte sono molto richiesti.

Il Metaverso e gli NFT sono entrambe tecnologie e concetti relativamente nuovi che non erano necessariamente previsti dal sistema legale esistente. Attualmente non esiste una legge giapponese specificamente progettata per regolare il Metaverso o gli NFT e le loro implicazioni legali non sono necessariamente chiare. Ci sono alcune linee guida volontarie pubblicate da gruppi industriali, ed è fondamentale tenere d’occhio lo sviluppo di queste linee guida e regolamenti governativi.

Primi esperimenti di Metaverso nell’industria sportiva

L’industria dello sport può sfruttare il Metaverso in modi illimitati a seconda di quanto possano essere creative le persone. Molti progetti innovativi sono già stati portati avanti da varie squadre, leghe ed eventi in tutto il mondo e fanno notizia su base giornaliera.

In Giappone, la squadra di baseball professionistica Fukuoka Softbank Hawks ha ricreato il proprio stadio di casa, PayPay Dome, in un mondo virtuale. I visitatori possono interagire tra loro e godere di un’esperienza di battuta virtuale in concomitanza con giochi reali.

Sebbene la maggior parte di questi progetti siano ancora in fase di sviluppo e test, l’utilizzo tipico del Metaverso nell’industria sportiva è oggi la creazione di stadi virtuali che gli avatar dei fan possono visitare e i fan possono guardare le partite con amici e familiari come se fossero insieme negli stadi reali in tempo reale. Le grandi attrattive di questa esperienza sono che i fan possono facilmente godere di un’esperienza di gioco quasi realistica da tutto il mondo e che non ci sono restrizioni sul numero di posti o altre limitazioni fisiche che esistono nel mondo reale.

Oltre all’esperienza di visione della partita, i servizi sono anche progettati per aumentare il coinvolgimento dei fan fornendo opportunità ai fan di interagire tra loro e con i giocatori negli stadi virtuali e offrendo vari contenuti, come riprese video, souvenir e videogiochi.

Regolamenti relativi al Metaverso in Giappone

In Giappone, attualmente non esiste una legge che regoli specificamente e in modo completo il Metaverso. Tuttavia, con la sua rapida espansione, il governo giapponese riconosce l’importanza di stabilire quadri appropriati e, nel luglio 2021, il Ministero dell’economia, del commercio e dell’industria ha pubblicato un rapporto intitolato “Progetto di indagine e analisi sulle possibilità future e le questioni relative allo spazio virtuale”.

Con l’obiettivo di facilitare l’ingresso e le operazioni commerciali nello spazio virtuale, l’indagine affronta alcuni rischi legali che gli operatori commerciali possono incontrare nello spazio virtuale, come la protezione insufficiente dei diritti sugli oggetti virtuali ai sensi della legge giapponese. L’indagine mira anche a specificare le questioni normative e di altro tipo relative all’espansione del business dello spazio virtuale e il ruolo previsto del governo, evidenziando la necessità di sviluppare una legislazione e linee guida relative allo spazio virtuale.

Il White Paper NFT

Un altro documento importante è Il White Paper NFT di cui ho accennato in precedenza e che raccomanda, tra le altre questioni, la raccolta e la discussione di informazioni intersettoriali per utilizzare gli NFT come mezzo per raggiungere l’interoperabilità di più servizi del Metaverso. Affronta anche le questioni relative all’uso di NFT e alla protezione della progettazione nel Metaverso. Inoltre, il governo metropolitano di Tokyo ha pubblicato la Tokyo Digital Twin Roadmap nel marzo 2022 come parte del suo “Tokyo Digital Twin Project”. La tabella di marcia elenca alcune questioni da affrontare al fine di sviluppare un gemello digitale della città.

Negli ultimi anni, i gruppi industriali sono stati sempre più organizzati da aziende giapponesi che cercano di entrare nel business del Metaverso, come la Japan Metaverse Association e la General Incorporated Association Metaverse Japan. Uno dei ruoli di questi gruppi è quello di sviluppare linee guida e stabilire uno standard per le operazioni aziendali nel Metaverso. I suddetti documenti governativi sottolineano anche l’importanza delle linee guida stabilite da gruppi privati. Pertanto, il futuro sviluppo di linee guida e regolamenti governativi in questo settore deve essere seguito da vicino.

Aspetti di “game-day” Metaverso nella legge giapponese

In generale, ci sono una grande varietà di questioni legali relative al Metaverso secondo la legge giapponese. Ad esempio, la ricreazione e la gestione di uno stadio virtuale possono dar luogo alla possibile violazione dei diritti di proprietà intellettuale di terzi. Anche le questioni relative ai termini di utilizzo stabiliti dai team o dagli operatori di servizi sarebbero critici in quanto questi termini definiscono ciò che le persone possono fare nello spazio virtuale e quali servizi sono disponibili. L’uso di avatar da parte dei fan può causare violazioni dei diritti di immagine e dei diritti di pubblicità di terzi, e potrebbe verificarsi anche la violazione dei diritti degli avatar stessi (se legalmente riconosciuti).

Inoltre, nel caso di una tipica esperienza di Metaverso, come quella di uno stadio virtuale, ci si aspetta che quasi le stesse transazioni avvengano nel Metaverso come nel mondo reale, al fine di consentire ai fan di avere la stessa esperienza. Ad esempio, i fan possono acquistare i biglietti per entrare nello stadio virtuale, acquistare uniformi replica presso il negozio virtuale e farle indossare ai loro avatar, e persino acquistare hot dog virtuali e birra come oggetti per creare sensazioni più “reali” del giorno della partita.

Inoltre, i tifosi possono essere soggetti a determinate restrizioni e sanzioni nello stadio virtuale per aver scattato e utilizzato foto o video scattati nello stadio, oltre a condurre determinati comportamenti di disturbo.  Per quanto riguarda queste transazioni e restrizioni, mentre si è tentati di riferirsi semplicemente ai rapporti contrattuali e alle questioni legali relative a situazioni simili nel mondo reale, è anche necessario notare l’unicità del Metaverso e analizzare ciò che viene effettivamente trattato e che tipo di rapporti giuridici sorgeranno caso per caso.

NFT nel settore sportivo e normative vigenti in Giappone

Come per il Metaverso, non esiste una legge giapponese che regoli specificamente gli NFT, mentre alcuni gruppi industriali hanno pubblicato linee guida che suggeriscono quale tipo di regolamenti potrebbero essere applicabili a ciascun tipo di servizio. 

Una di queste linee guida è la “Linea guida per il business NFT” pubblicata dalla Japan Cryptoasset Business Association nel 2021 (e aggiornata nel 2022). Questa elenca alcune normative che possono essere applicabili alle imprese NFT in Giappone a seconda del modello di business e delle caratteristiche specifiche degli NFT. 

Ad esempio, se i titolari di NFT hanno diritto a una quota degli utili derivanti dall’attività NFT, l’ NFT potrebbe rientrare nella categoria di “titoli e, in tal caso, potrebbero applicarsi determinati requisiti di registrazione e divulgazione delle informazioni ai sensi della legge.

Inoltre, il White Paper NFT  individua le questioni che devono essere affrontate al fine di elaborare regolamenti adeguati sugli NFT in Giappone e raccomanda varie misure per affrontare tali questioni.  Come per altre linee guida, il White Paper NFT riconosce la necessità di norme appropriate sugli NFT da mettere in atto e incoraggia i gruppi industriali a stabilire linee guida volontarie. Pertanto, è consigliabile per le aziende che stanno considerando di entrare nel mercato NFT in Giappone di tenere d’occhio lo sviluppo di queste regole.

Aspetti legali delle NFT secondo la legge giapponese

Poiché gli NFT sono dati digitali, non esiste un concetto di “proprietà” sugli stessi in Giappone perché la “proprietà” è riconosciuta solo per le attività fisiche ai sensi della legge giapponese. 

Pertanto, in pratica, è molto importante capire quali diritti vengono concessi ai titolari di NFT in base ai termini di utilizzo di ciascun servizio NFT.  In genere, i titolari di NFT non acquisiscono i diritti di immagine e di pubblicità del giocatore, né acquisiscono i diritti d’autore sulle immagini utilizzate negli oggetti da collezione digitali.  Poiché questi attributi giuridici non derivano naturalmente dall’interpretazione del diritto statutario giapponese, dovrebbero essere chiaramente e adeguatamente stipulati nelle condizioni d’uso.

Inoltre, gli emittenti di NFT digitali collezionabili di contenuti, ad esempio, sportivi devono assicurarsi le licenze necessarie dalle persone interessate ai sensi della legge giapponese. Ad esempio, quando si emettono NFT di immagini degli atleti, sono necessarie licenze per utilizzare i diritti di immagine e i diritti di pubblicità degli atleti. Sebbene questi diritti appartengano principalmente ai singoli atleti ai sensi della legge giapponese, in alcune leghe sportive professionistiche giapponesi, le squadre hanno un ampio controllo su questi diritti in conformità con i contratti dei giocatori o i regolamenti della lega.  

Loghi, squadre e token non fungibili

Ad esempio, il contratto legato alla Nippon Professional Baseball stabilisce che i diritti di immagine sulle foto / video del giocatore scattate sotto le istruzioni del club appartengono tutti al club e che il giocatore non può consentire di scattare foto senza l’approvazione del club. Inoltre, se chi emette NFT utilizza loghi di squadre o leghe, dovrà ottenere licenze per utilizzare tali loghi da queste squadre o leghe.

Va notato anche che gli airdrop e altre campagne di marketing e pubblicità relative agli NFT sono spesso soggetti a regolamenti ai sensi della legge contro i premi ingiustificabili e le dichiarazioni ingannevoli e, in tal caso, esiste una quantità massima di omaggi prescritti da questi regolamenti.  La legge vieta inoltre di fare alcune dichiarazioni inappropriate riguardanti la qualità o le condizioni degli NFT o dei servizi correlati.

NFT venduti casualmente e regolamenti sul gioco d’azzardo

In relazione alla distribuzione di NFT digitali da collezione, alcuni servizi vendono un pacchetto che contiene casualmente un certo numero di NFT e una persona che acquista tale pacchetto non ne conosce il contenuto fino all’acquisto del pacchetto altrimenti denominati come “vendite casuali”. Questi servizi in genere operano mercati secondari sulla stessa piattaforma di servizi e coloro che hanno acquisito NFT attraverso “vendite casuali” possono immediatamente rivenderli su tali mercati secondari e ricevere denaro per questo.  

In Giappone, i potenziali operatori di servizi simili sono preoccupati che la fornitura di tali servizi possa comportare la commissione del reato di “gioco d’azzardo” ai sensi del codice penale.

Il codice penale in Giappone proibisce il gioco d’azzardo, dove “gioco d’azzardo” significa scommettere su una questione il cui esito dipende dal caso, con la possibilità di ottenere o perdere proprietà.  Il problema qui è la “possibilità di ottenere o perdere proprietà“. Poiché non è facile calcolare il valore oggettivo degli NFT, si potrebbe sostenere che, nei casi in cui un prezzo di rivendita è formato in un mercato secondario incorporato nel servizio, tale prezzo di rivendita dovrebbe essere menzionato nel calcolo del valore degli NFT.

Poi, poiché vi possono essere casi in cui il prezzo di rivendita sul mercato secondario degli NFT acquisiti tramite “vendite casuali” potrebbe essere inferiore o superiore al prezzo originario, l’acquirente sopporta il rischio di subire una perdita, e ciò potrebbe essere interpretato come rispondente al requisito della “possibilità di ottenere o perdere proprietà”.

Gioco d’azzardo e regole virtuali

Il White Paper NFT sottolinea che nessun ente governativo ha chiarito se questi servizi potrebbero rientrare nell’ambito del gioco d’azzardo, che è vietato, e questo ha l’effetto di scoraggiare i potenziali operatori di servizi NFT in Giappone. Il White Paper NFT raccomanda inoltre che: sia istituito un sistema che consenta ai potenziali operatori di servizi di richiedere in anticipo agli organismi governativi competenti di rilasciare autorizzazioni ufficiali per il funzionamento dei loro servizi; gli organi governativi competenti indicano chiari esempi di modelli di servizio che non violano le leggi sul gioco d’azzardo ai sensi del codice penale; e gli operatori devono stabilire linee guida volontarie.

Sulla base della raccomandazione di cui sopra, nell’ottobre 2022 il Council for Sports Ecosystem Promotion, che è un gruppo industriale che mira a promuovere la trasformazione digitale nell’industria sportiva giapponese, insieme ad altri gruppi industriali correlati agli NFT, ha pubblicato delle linee guida che  illustrano un modello di business legale per i servizi che forniscono sia “vendite casuali” che mercati secondari per NFT. Queste linee guida indicano che è legale in Giappone fornire servizi simili se soddisfano determinati requisiti. Si spera che queste linee guida contribuiscano a promuovere potenziali operatori a lanciare servizi NFT simili a NBA Top Shot in Giappone.

Suggerimenti conclusivi

Le leggi e i regolamenti relativi agli NFT / Metaverso in Giappone sono meno sviluppati di quelli negli Stati Uniti e in Europa, il che crea incertezza per le società sportive che cercano di entrare nei mercati NFT / Metaverse giapponesi. 

Poiché le leggi e i regolamenti giapponesi non si  sviluppano di pari passi al progresso tecnologico, le varie linee guida sviluppate dai gruppi industriali (come il Consiglio per la promozione dell’ecosistema sportivo di cui sopra) svolgono un ruolo chiave in quanto integrano le normative governative poco chiare nelle prime fasi dei mercati.

Queste linee guida sono volontarie e non applicabili dal punto di vista legale. Tuttavia, nella prassi giapponese, tali orientamenti sono talvolta elaborati attraverso un certo scambio di opinioni con le autorità di regolamentazione per assicurarsi che le autorità siano sostanzialmente allineate con esse (o almeno non le rifiutino. Pertanto, le aziende possono ridurre al minimo i rischi normativi seguendo le linee guida sviluppate da gruppi industriali affidabili. 

È evidente che le leggi e i regolamenti giapponesi sono spesso più conservatori e restrittivi in alcune aree rispetto a quelli di altri Paesi, e i modelli di business che sono fattibili in altri paesi possono essere illegali e persino criminali in Giappone. È fondamentale per le aziende che entrano nei mercati giapponesi verificare gli ultimi sviluppi di tali linee guida, nonché le leggi e i regolamenti governativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli

Seguici sui nostri canali

La nostra community