27 Gennaio 2023 aggiornato alle 09:00
Meta Communications
Immervise Magazine
Metaverso Tendenze

Influencer Virtuali e creatività

avatars

Come l’evoluzione della moda nel suo complesso, anche gli influencer si sono evoluti insieme alla crescente digitalizzazione del settore. Questo ha visto il concetto di “influencer virtuali” diventare una sorta di norma nel mondo del marketing. Questa tendenza crescente ha visto diversi rivenditori iniziare a esplorare il regno digitale nominando personaggi pubblici virtuali per condurre campagne e vendere prodotti. Ma chi sono questi esseri misteriosi e come si stanno muovendo i retailer?

Marketing e influencer

Un “influencer virtuale” può essere definito come un individuo immaginario generato dal computer che viene spesso utilizzato per scopi di marketing. Possono variare da avatar creati in modo indipendente a personalità ufficiali del marchio, rappresentando un’azienda in vari aspetti del mondo digitale.

Un paio di esempi. L’influencer dei social media Lil Miquela, che vanta 2,9 milioni di follower su Instagram, e il brasiliano Lu do Magalu, che conta ben 6,1 milioni di follower. Entrambe queste persone virtuali hanno lavorato con una varietà di marchi, come Prada e Dior. Tuttavia, la loro netta differenza rispetto al tipico influencer è che sono creati da aziende tecnologiche avanzate. Mentre Magalu è apparso per la prima volta nel 2019, Lil Miquela è stato lanciato come progetto Instagram dagli sviluppatori Trevor McFedries e Sara DeCou nel 2016.

I marchi stessi hanno anche iniziato a sviluppare i propri influencer virtuali per rappresentarli durante il loro marketing. Più recentemente il rivenditore britannico Marks & Spencer ha rivelato la sua prima influencer virtuale “Mira” attraverso il suo account Instagram dedicato. Il suo lancio arriva come un tentativo di connettersi con un pubblico più giovane costruendo una nuova comunità focalizzata sulla tecnologia. Ha seguito un’iniziativa simile del gruppo della moda di lusso LVMH, che ha presentato Livi, il suo ambasciatore virtuale.

Dopo il lancio di Reblika nel 2019, la stessa società ha creato Reblium come estensione. Ha fornito così una nuova tecnologia di costruzione di avatar creata per essere una piattaforma inclusiva per la creazione di persone iperrealistiche. Il fondatore e CEO di Reblium, Mao Lin Liao, vuole che la piattaforma sia in grado di fornire avatar di alta qualità che possano fungere da “passaporto per entrare in diversi luoghi virtuali”. Tuttavia, ha affermato che “il mondo non è ancora pronto per questo perché non abbiamo la tecnologia”.

I vantaggi offerti dagli esseri umani digitali

Nonostante questa affermazione, Liao ha affermato che ci sono molte opportunità per i brand che adottano influencer virtuali. Accanto all’idea che gli influencer virtuali non possono mai ammalarsi fisicamente, Liao ha osservato che sono completamente fedeli e non hanno la capacità di causare scandali che possano danneggiare un marchio. “È anche qualcosa di molto futuristico“, ha aggiunto. “Avere un ambasciatore che un marchio può plasmare da solo è raro. Invece di trovare qualcuno che è famoso, ora puoi davvero iniziare a promuovere il tuo marchio incorporando storie.”

Questo percorso, consente inoltre a un marchio di connettersi con un pubblico della Gen Z che potrebbe avere più familiarità con l’uso degli avatar. Viene fornito con la crescente enfasi che questo gruppo di utenti pone sulla propria identità digitale. Secondo un recente studio condotto dalla piattaforma del mondo virtuale Roblox, circa il 42% degli utenti del mondo digitale apprezza esprimersi digitalmente tanto quanto nel mondo reale.

Virtual Humans

Christopher Travers, fondatore di Virtual Humans, ha osservato che questa evoluzione ha accompagnato i marchi nelle loro strategie di marketing, con gli influencer virtuali che diventano una progressione naturale di questa tendenza.

Ha aggiunto: “Qualsiasi marchio che non introduce la propria mascotte sui social media sotto forma di influencer virtuale sta perdendo la possibilità di continuare la propria storia. Invece, la maggior parte dei marchi ora si affida al finanziamento di influencer umani e canali pubblicitari a pagamento piuttosto che continuare a investire nella propria proprietà intellettuale, che potrebbero portare avanti per i decenni a venire.

La risposta dei consumatori

Trattandosi di un concetto così nuovo, è difficile prevedere già come i clienti potrebbero reagire all’uso di influencer virtuali. Dal suo lancio a fine ottobre, Mira di Marks & Spencer conta ora quasi 5.000 follower ed è stato presentato in una manciata di immagini della campagna che promuovono l’abbigliamento del rivenditore. Tuttavia, la sua presenza è stata accolta con reazioni contrastanti da parte dei consumatori, con alcuni che hanno elogiato Marks & Spencer per la sua esplorazione di nuove tecnologie, mentre altri hanno espresso esitazione su ciò che potrebbe derivare dalla funzione in futuro.

Alla domanda se ci fossero modi per i marchi di utilizzare autenticamente gli influencer virtuali, Liao ha detto che non c’era ancora una risposta chiara per questo. “L’autenticità è un grosso problema“, ha osservato. “Nel promuovere il mondo digitale, si tratta davvero di esplorare ciò che è possibile. Una volta che ci abitueremo, penso che l’autenticità non sarà un problema. Abbiamo solo bisogno di avere più buoni esempi nella società che promuovano un buon caso d’uso“. Il modo in cui i consumatori interagiscono con un influencer virtuale dipende da come è stato implementato nelle comunicazioni di un marchio, con molte strade da esplorare quando si esamina la loro efficacia. 

Travers di Virtual Humans ha osservato che quando si applica questa forma di influencer in una strategia, si tratta di utilizzare il mezzo giusto al momento giusto. Gli influencer virtuali si sono dimostrati produttivi nel guidare le vendite durante le impostazioni di shopping dal vivo, nelle sponsorizzazioni di live streaming su Twitch e YouTube.

Dare alle persone della vita reale una presenza digitale

Nel frattempo, gran parte dell’esistenza di Reblika si basa anche sulla trasformazione di celebrità, influencer e modelli della vita reale in avatar digitali. La società detiene licenze per artisti del calibro di Marilyn Monroe e Rita Ora, ognuna delle quali ha sviluppato un personaggio digitale. Parlando del motivo per cui si è verificato questo fenomeno, Liao ha affermato che possono preservare la loro bellezza e, una volta che sono stati digitalizzati. Nel caso della pandemia, o quando sono malati, possono usare la loro somiglianza e continuare a lavorare con loro attraverso le licenze.

Una mentalità simile è stata assunta dal marchio di moda digitale House of Blueberry, che ha lanciato una collezione di abbigliamento virtuale insieme all’influencer della vita reale Leah Ashe. Per promuovere la collezione, Ashe è apparsa ai consumatori come una versione virtuale di se stessa. Ha poi indossato ciascuno dei look della collezione durante una festa digitale nella piattaforma di gioco open world Roblox. Ognuno dei capi poteva essere acquistato dagli utenti per poi essere indossato dai propri avatar, consentendo una nuova via di coinvolgimento.

Celebrità virtuali

Il fondatore e CEO di House of Blueberry, Mishi McDuff, ha detto che la risposta alla collezione e all’evento è stata “folle”. McDuff ha aggiunto che non pensa che avrebbe ottenuto più hype dalla comunità se avesse portato una celebrità tradizionale. Gli utenti probabilmente hanno guardato e stanno guardando Leah più di quanto guardino un film. Questa è la loro star. Il modello che si sta vedendo, non solo con gli influencer, ma con le vendite in generale, è che le persone stanno acquistando all’interno di una comunità. Con questa operazione di marketing sono stati in grado di attingere alla comunità di Leah Ashe, un gruppo di persone che seguono le sue avventure in uno spazio virtuale.

McDuff ha continuato dicendo che il concetto di influencer virtuale era forse ancora più intimo dell’influencer marketing della vita reale. Poiché questi individui sono in grado di entrare nello stesso regno che gli acquirenti più giovani stanno attualmente esplorando. Sono questi mondi, come Roblox, in cui migliaia di Gen Z e Millennials possono entrare tutti in una volta. Creando così un senso di comunità senza doversi preoccupare di posizione, spazio e coinvolgimento.

La lealtà verso quell’influencer è molto più vicina, quello che stiamo vedendo è che i creatori stanno diventando anche influencer, che a loro volta creano diversi tipi di prodotti. Non si può più ignorare lo spazio del Metaverso. Bisogna essere là fuori e i marchi stanno iniziando a esplorare questo mondo con la creazione di questi influencer virtuali e l’apprendimento dello spazio. Per questo motivo si presenta in maniera autentica.

Il posto degli influencer virtuali nel futuro

Con l’industria della moda digitale che si evolve così rapidamente, può essere difficile prevedere dove sarà nei prossimi anni e quali progressi devono ancora venire. Mentre discuteva delle possibilità, Travers prevede un futuro in cui nuove piattaforme e strumenti consentano a chiunque di creare e incarnare facilmente un avatar online.

E così, in questo futuro, l’idea di un influencer virtuale sarà massicciamente normalizzata e inizierà ad assomigliare molto agli influencer umani che seguiamo oggi. L’idea che un avatar sia influente non è nuova: ora è solo una questione di tempo prima che qualcuno possa incarnare un personaggio del genere.

Travers ha raccomandato ai marchi di incorporare influencer virtuali attraverso partnership sotto forma di brevi video o mezzi di livestream. Il modo migliore è fonderlo in una strategia di marketing, costruire un portavoce e investire nell’esprimere una personalità virtuale che rappresenti i valori di un marchio.

Il senso della creatività

È esattamente ciò che Reblika spera di ottenere. Attraverso la piattaforma Liao spera di rendere l’economia dei creatori e lo sviluppo di avatar più accessibili per i consumatori e le imprese.

Mentre gli influencer virtuali consentono questo senso di creatività, Liao ha osservato che non si tratta solo di look. Ha ricordato ai marchi che la storia che costruiscono attorno all’umano digitale è, se non altro, ancora più importante. Ha concluso segnalando il più grosso errore che ha visto fare ai marchi quando cercano di adottare influencer virtuali e cioè provando a creare la stessa persona.

Non è originale. Dovrebbero preoccuparsi di più della narrazione dietro di loro e meno di come appaiono, perché questo è ciò che sta davvero guidando questi personaggi. Se ci si concentra sul loro aspetto, le persone ci seguiranno per i primi mesi ma poi dopo si tratta davvero di esplodere il contenuto. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli

Seguici sui nostri canali

La nostra community