27 Gennaio 2023 aggiornato alle 09:00
Meta Communications
Immervise Magazine
Metaverso Tendenze

Come evolve lo storytelling nel Web3

Web3 storytelling

Il modo in cui il pubblico interagisce con i contenuti continua ad evolversi. E le funzionalità della piattaforma di distribuzione di storie e le storie stesse diventano sempre più innovative. La tecnologia Web3 sta alimentando nuove soluzioni legate allo storytelling, per costruire storie e connettersi con il pubblico. 

AI per le storie e la loro creazione 

I media sintetici e l’intelligenza artificiale possono alimentare strumenti di narrazione creativa che aiutano artisti e creatori a raccontare le loro storie in modi nuovi e innovativi. Dall’utilizzo dell’intelligenza artificiale per modificare video con strumenti come descript, all’intelligenza artificiale che converte il testo in video con soluzioni come Stable Diffusion, possiamo aspettarci un maggiore utilizzo di strumenti basati sull’intelligenza artificiale per la creazione di contenuti. 
Abbiamo già visto esperimenti che convertono le immagini in musica, che suggeriscono la possibilità di generare intere colonne sonore utilizzando l’intelligenza artificiale. Si può anche utilizzare ChatGPT di OpenAI per generare sinossi per idee di film e serie in pochi secondi, sulla base di istruzioni di testo. 

Questi strumenti hanno il potere di livellare ulteriormente il campo di gioco per i creatori, in quanto possono offrire un supporto che in precedenza era inaccessibile a molti a causa dei costi di assunzione di tutti i talenti e competenze e i servizi necessari. I contenuti co-creati con l’intelligenza artificiale, possono essere utilizzati per ispirare gli artisti e persino per testare gruppi di pubblico prima che i contenuti vengano sviluppati ulteriormente. 

Il potere dei creator

I creator che investono tempo nella costruzione del coinvolgimento della comunità con i loro marchi personali e i loro mondi di narrativa o saggistica, hanno il potenziale per avere più potere rispetto alle piattaforme che distribuiscono i loro contenuti. Con la possibilità di pubblicare contenuti direttamente su un numero crescente di piattaforme, i creatori hanno più scelte quando si tratta di decisioni creative fino a come monetizzare i loro contenuti. 

I creatori hanno più potere ora di quanto non avessero in passato perché hanno legami più forti con le loro comunità. Stanno costruendo “mondi conversazionali e comunitari” e alcuni creatori stanno trovando modi per costruire comunità più dirette con i fan che vanno oltre una piattaforma di social media. Avere un canale di proprietà a cui viene indirizzato il pubblico, come un sito web che ospita tutti i punti di contatto, può aiutare non solo a diversificare dove i fan interagiscono, ma anche a monetizzare ulteriormente l’IP del creatore. Questo può variare dall’offerta di oggetti da collezione digitali ai contenuti di formazione. 

Contenuti e piattaforme

Se si ha solo un canale su YouTube, ad esempio, in sostanza YouTube possiede i fan del creator/brand. È importante per i marchi capire come avviene lo storytelling sulle piattaforme di storytelling. Non si può semplicemente entrare e diffondere il proprio messaggio. È essenziale creare contenuti che si adattino all’ambiente di ogni piattaforma. 

I titolari di IP possono farlo da soli e c’è anche l’opportunità di collaborare con i creatori giusti per espandere i mondi delle storie esistenti in nuove piattaforme e comunità. Ciò può sbloccare nuove collaborazioni tra i creatori dietro l’IP e quei creatori con forti comunità di social media. 

Jeff Greenspoon, presidente, Global Solutions di Dentsu, la prima società internazionale giapponese di pubblicità e pubbliche relazioni sottolinea che “La nuova dinamica tra marchi e creatori richiede modelli di business aperti e collaborativi che mettano il consumatore in prima linea“.

Costruire comunità e collaborazioni di creatori come queste può aiutare a sbloccare i finanziamenti per i contenuti. La co-creazione di contenuti con i leader della comunità può espandere non solo la portata di una storia IP, ma anche la quantità di contenuti coinvolgenti e valore per i finanziatori, sia i finanziatori di contenuti tradizionali che i marchi desiderosi di connettersi con le comunità in modi autentici e rivoluzionari oltre la pubblicità tradizionale. 

L’evoluzione delle aspettative sui contenuti

Anche le aspettative del pubblico su come appaiono i contenuti si stanno evolvendo. Greenspoon spiega che gli spettatori più giovani, in particolare, “fanno meno distinzioni tra intrattenimento ‘alto’ e ‘bassa produzione’.  Ad esempio, gli spettacoli di recensioni e i contenuti generati dai fan erano visti come propaggini derivate, ma ora c’è molta aspettativa che il contenuto venga creato per il coinvolgimento della comunità e che dovrebbe essere consegnato ai fan in un modo che consenta loro di creare a loro volta IP adiacenti che aiutano a generare consapevolezza per l’originale brandizzato.” Inoltre, “c‘è la crescita esponenziale del gaming che sta dando l’aspettativa che tutti i contenuti dovrebbero avere un elemento interattivo, sia che si tratti di gamificare il coinvolgimento degli utenti o di pianificare un adattamento videoludico completo dell’IP che si sta producendo.” 

Ciò dovrebbe offrire ulteriore incoraggiamento per i titolari di IP di storie a sperimentare la creazione di contenuti per piattaforme diverse. Con le piattaforme di social media che offrono funzionalità che consentono una maggiore interattività, così come gli streamer come Netflix che sperimentano funzionalità interattive, non c’è dubbio che il pubblico si aspetterà sempre più.

Minori barriere per la creazione di contenuti 

Le barriere alla creazione e alla distribuzione di contenuti continuano a diminuire, poiché aumenta l’accesso agli strumenti che rendono più semplice la creazione di esperienze narrative coinvolgenti. Questi strumenti possono consentire di creare contenuti della storia che vivono su più punti di contatto.

Popper, Chief Metaverse Officer presso CAA, un’importante agenzia di intrattenimento e sport, condivide che quando si tratta di costruire esperienze in ambienti virtuali, piattaforme come Roblox e The Sandbox rendono più facile portare più creatori nell’ecosistema. 

Anche quando i talenti costruiscono storie o mondi di storie in collaborazione con abili creatori tecnici, questo rende più facile sperimentare e costruire grandi idee. The Chainsmokers Concert Experience e il mondo di Roblox chiamato Festival Tycoon ha raggiunto oltre 24 milioni di visite.

La connessione innovativa

Per raggiungere un pubblico di queste dimensioni, Popper stima che ci sarebbe voluto più di un anno e con  un tour nell’arena. Il “talento” può connettersi in nuovi modi avvincenti e prendere in considerazione nuovi modi per monetizzare, come il merchandising digitale. Queste esperienze possono essere un caso d’uso efficace per il budget dei brand attraverso esperienze interattive digitali dei fan.

Il 3D è una grande opportunità per i titolari di IP. Quando si costruiscono oggetti di scena, personaggi e altro, investire in risorse 3D per il proprio IP può sbloccare una serie di opportunità in esperienze AR e VR o come oggetti da collezione digitali NFT.  

Per la realtà aumentata, ci sono funzionalità di piattaforma di social media che semplificano già la stratificazione dei contenuti video. E l’AR basata sul web alimentata da piattaforme. Un esempio è 8th Wall che consente al pubblico di interagire con i contenuti semplicemente visitando un link sul proprio browser. L’AR può migliorare ed elevare i contenuti tradizionali. La realtà aumentata può essere utilizzata per portare lo spettacolo oltre lo schermo televisivo nella casa dello spettatore. Per i social media, l’AR può essere utilizzata per offrire agli utenti nuovi strumenti per aggiungere effetti speciali ai propri contenuti.

Gli studi utilizzano contenuti sviluppati nei motori di gioco per esperienze coinvolgenti, giochi e contenuti lineari. Dan Fill, Presidente di Dark Slope, uno studio focalizzato sulla produzione virtuale, sottolinea che questo è utile sia per espandere ciò che è possibile con un IP, sia per le produzioni stesse. “Sempre più l’Unreal Engine sta diventando pervasivo in tutte le aree dell’industria dell’intrattenimento. Vedremo sempre più pre-visualizzazione eseguita in VR, rendering in tempo reale e nuove pipeline di produzione“.

Appunti finali

Si arriva a ritenere che il contenuto virtuale abbia il potenziale per “cambiare il gioco per i contenuti”, specialmente per il pubblico più giovane. Come viene detto a più riprese, il MrBeast (lo youtuber più pagato al mondo) del Metaverso probabilmente si è appena diplomato. Il Metaverso è già qui. Minecraft è qui. Ha uno spazio virtuale condiviso. Roblox è uno spazio virtuale condiviso in cui è possibile creare, esplorare, condividere esperienze e raccontare storie.

Poiché i marchi mettono sempre più budget nel supporto delle esperienze virtuali e nell’uso delle tecnologie di AI e AR, ciò avrà un impatto sui flussi di entrate per altre piattaforme di distribuzione considerati tradizionali. E’ necessario quindi non perdere l’opportunità di essere laddove le comunità target  di ogni brand stanno sempre più migrando. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli

Seguici sui nostri canali

La nostra community