22 Febbraio 2024 aggiornato alle 11:51
Logo
Immervise Magazine
Intelligenza Artificiale

Intelligenza Artificiale e interazione

Intelligenza artificiale

L’AI (Intelligenza artificiale) studia la programmazione e la progettazione di sistemi mirati a dotare le macchine di una o più caratteristiche considerate tipicamente umane. Proprietà, che variano dall’apprendimento alla percezione visiva o spazio-temporale.

Intelligenza artificiale e imprese italiane

L’AI deve essere trattata combinando gli aspetti teorici a quelli pratici e operativi. Partendo dal significato di AI, possiamo descrivere le principali tecniche di Intelligenza Artificiale, il funzionamento, le diverse applicazioni, le opportunità derivanti e il percorso di avvicinamento delle imprese italiane. 

Questa analisi porta a una domanda su tutte: l’Intelligenza Artificiale è una minaccia o un bisogno per l’uomo? Alla base dell’Intelligenza Artificiale ci sono algoritmi, tecniche computazionali, soluzioni, in grado dunque di replicare il comportamento umano. Tutte queste applicazioni possono essere molteplici e riguardare diversi ambiti, non solo industriali ma anche domestici.

Pensiamo, ad esempio, ai sistemi di domotica in grado di regolare la temperatura, l’umidità o l’illuminazione in base alle nostre abitudini o all’utilizzo della nostra voce come input per alcuni dispositivi, che facilitano la gestione delle nostre abitazioni. È sufficiente un telecomando (anche lo smartphone) o la nostra voce per attivare sistemi di Intelligenza Artificiale che facilitano la gestione delle nostre abitazioni e del nostro quotidiano.

Ai e soluzioni aziendali

Questo di seguito un quadro completo delle soluzioni di AI adottate dalle aziende. 

CHATBOT: è uno strumento che offre assistenza 24h24 sia ai propri clienti che ai propri dipendenti; si presta inoltre a diversi impieghi in ambito marketing, supporto alla vendita, HR Management, domotica e perfino Ricerca e Sviluppo.

COMPUTER VISION: studia gli algoritmi e le tecniche per permettere ai computer di raggiungere una comprensione di alto livello del contenuto di immagini o video.

RECOMMENDATION SYSTEM: si tratta di algoritmi che tengono traccia delle azioni dell’utente e, comparandole con quelle degli altri, apprendono le sue preferenze e sono sempre più in grado, a mano a mano che l’utente utilizza la piattaforma, di produrre raccomandazioni più precise.

NLP (NATURAL LANGUAGE PROCESSING): si pongono l’obiettivo di creare sistemi in grado di favorire l’interazione e la comprensione uomo/macchina. L’NLP si occupa principalmente di testi, ovvero qualsiasi sequenza di parole che in una lingua esprime uno o più messaggi.

IDP (INTELLIGENT DATA PROCESSING): sono tutte quelle soluzioni che utilizzano algoritmi di AI per finalità collegate all’estrazione delle informazioni presenti nei dati stessi. Le principali finalità aziendali sono per il  Forecasting e la Classification & Clustering.

SOLUZIONI FISICHE: poco usate in Italia, si tratta, ad esempio, dei veicoli autonomi (mezzi di trasporto autoguidati), gli Autonomous Robot (robot in grado di muoversi senza l’intervento umano) e gli Intelligent Object (oggetti in grado di compiere azioni senza l’intervento umano e di prendere decisioni in base alle condizioni dell’ambiente circostante).

Tante soluzioni con un unico scopo

Ci riescono grazie a determinate metodologie che si concretizzano grazie alle diverse tecnologie in forma hardware o software.

  • Elaborazione delle immagini (riconoscimento di volti e movimenti, recupero di immagini e video, visione artificiale)
  • Elaborazione del linguaggio naturale (realizzazione di discorsi e dialoghi, estrapolazione informazioni, risposte a domande)
  • Apprendimento (Machine Learning)
  • Ragionamento e classificazione (ragionamento automatizzato)
  • Interazione sociale (teoria dei giochi, coordinazione e collaborazione)
  • Interazione con l’ambiente (localizzazione, mappature e navigazione, pianificazione di movimenti e percorsi)

Ma l’uomo dopo aver raggiunto questi risultati grazie alle tecnologie si ritrova davanti a numerosissime sfide, in primis quelle etiche: le distorsioni involontarie nei dati, i sistemi creati per scopi malevoli, l’acquisizione di un vantaggio iniquo a fronte degli utilizzatori della tecnologia stessa, il non rispetto della privacy, la mancanza di trasparenza dei processi decisionali.

E ancora implicazioni sulla disuguaglianza di accessibilità alle tecnologie, implicazioni sul singolo lavoratore, accentramento know how tecnologico, minaccia del benessere mentale, limitazione della libertà.

Ne varrà la pena?

Altri articoli

Resta aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter

Errore: Modulo di contatto non trovato.

Seguici sui nostri canali

La nostra community